Menù
The project

The Venetian International Poetry Festival Palabra en el mundo is an annual event that calls poets from around the world to unite around the poetic word in order to raise awareness and make solidarity and peace constructive.

Palabra en el mundo is linked to the International Poetry Festival (FIP) held in Havana – organized by the Proyecto Sur Cultural Internacional, the Journal Isla Negra and the International Festival of Poetry of Havana – and takes place simultaneously in more than 900 locations worldwide in the month of May every year.

In Venice, FIP is realized thanks to the generous participation of poets and poetry friends who believe in the accountability of the word. The Venetian festival has become a more open and broad space of solidarity across time. The poetry we listen to here tells about all of us; it speaks as once the fool would speak to the most insane rulers, saying that peace is a word to be exchanged as a real sign of peace, not with missiles and bombs, not with deprivations and imprisonments, not with unemployment and civil and social inequalities.

The voices of the participants of this Venitian eleventh edition belong to several women’s and men’s generational and geographical experiences. They are intended to remind us that we are not alone walking on this desolate land, and that the vision of one is the vision of many, the pain of one is the pain of many, and the rights of one should be rights for all. Poetry is encountered here, in this area of ​​land and water, with the strong conviction that only Peace drives war away while only war drives peace away,away from our increasingly fragile planet. Accountability is a word of peace, and the palabra breaks down the wall of silence responding to the request of the Albanian poet Ismail Kadarè, who exhorts us: ‘Come and hang your weapons up on the nails of rhyme’.

Anna Lombardo
(Director, Palabra en el mundo International Poetry Festival)

Il Progetto

Il Festival internazionale di poesia Palabra en el mundo di Venezia è ormai un appuntamento annuale che chiama poeti da tutto il mondo a unirsi intorno alla parola poetica per sollevare coscienze e rendere costruttiva la solidarietà e la pace.

Palabra en el mundo, legata al Festival Internazionale di Poesia organizzato all’Avana, nasce per iniziativa del Proyecto Cultural Surinternacional, della Rivista Isla Negra e del Festival Internacional de poesia de la Habana e si svolge in contemporanea, nel mese di maggio, in più di 900 località nel mondo.

A Venezia è ogni anno messo in azione dalla generosa partecipazione di poeti e poetesse nonché amiche e amici della poesia che credono nella responsabilità della parola. Il festival veneziano con il tempo è diventato uno spazio di solidarietà più ampio e aperto. La poesia che si ascolta sta qui a parlare di noi tutti; a parlare come un tempo facevano i folli ai più folli regnanti, a dire che la pace è parola da scambiare come segno reale di pace e non con missili e bombe, non con negazioni e imprigionamenti, non con disoccupazione e disuguaglianze civili e sociali.

Le voci di questa undicesima edizione veneziana appartengono ad esperienze generazionali e geografiche differenti di donne e uomini, e intendono ricordarci che non siamo da soli a camminare su questa terra desolata e che la visione di uno è la visione di tanti, e il dolore di uno è il dolore di tanti, e il diritto di uno deve essere il diritto per tutti. La poesia si incontra in questo territorio di acqua e terra, con una convinzione forte che solo la Pace allontana la Guerra mentre solo la Guerra allontana la Pace del nostro sempre più fragile pianeta.La responsabilità è una parola di pace, la palabra interrompe il muro del silenzio raccogliendo l’appello del poeta albanese Ismail Kadarè, che così ci esorta: ‘Venite e appendete le armi ai chiodi delle rime’.

Anna Lombardo
(Director, International Poetry Festival Palabra en el mundo)

The Venetian International Poetry Festival Palabra en el mundo is an annual event that calls poets from around the world to unite around the poetic word in order to raise awareness and make solidarity and peace constructive.

Palabra en el mundo is linked to the International Poetry Festival (FIP) held in Havana – organized by the Proyecto Sur Cultural Internacional, the Journal Isla Negra and the International Festival of Poetry of Havana – and takes place simultaneously in more than 900 locations worldwide in the month of May every year.

In Venice, FIP is realized thanks to the generous participation of poets and poetry friends who believe in the accountability of the word. The Venetian festival has become a more open and broad space of solidarity across time. The poetry we listen to here tells about all of us; it speaks as once the fool would speak to the most insane rulers, saying that peace is a word to be exchanged as a real sign of peace, not with missiles and bombs, not with deprivations and imprisonments, not with unemployment and civil and social inequalities.

The voices of the participants of this Venitian eleventh edition belong to several women’s and men’s generational and geographical experiences. They are intended to remind us that we are not alone walking on this desolate land, and that the vision of one is the vision of many, the pain of one is the pain of many, and the rights of one should be rights for all. Poetry is encountered here, in this area of ​​land and water, with the strong conviction that only Peace drives war away while only war drives peace away,away from our increasingly fragile planet. Accountability is a word of peace, and the palabra breaks down the wall of silence responding to the request of the Albanian poet Ismail Kadarè, who exhorts us: ‘Come and hang your weapons up on the nails of rhyme’.

Anna Lombardo
(Director, Palabra en el mundo International Poetry Festival)

Il Festival internazionale di poesia Palabra en el mundo di Venezia è ormai un appuntamento annuale che chiama poeti da tutto il mondo a unirsi intorno alla parola poetica per sollevare coscienze e rendere costruttiva la solidarietà e la pace.

Palabra en el mundo, legata al Festival Internazionale di Poesia organizzato all’Avana, nasce per iniziativa del Proyecto Cultural Surinternacional, della Rivista Isla Negra e del Festival Internacional de poesia de la Habana e si svolge in contemporanea, nel mese di maggio, in più di 900 località nel mondo.

A Venezia è ogni anno messo in azione dalla generosa partecipazione di poeti e poetesse nonché amiche e amici della poesia che credono nella responsabilità della parola. Il festival veneziano con il tempo è diventato uno spazio di solidarietà più ampio e aperto. La poesia che si ascolta sta qui a parlare di noi tutti; a parlare come un tempo facevano i folli ai più folli regnanti, a dire che la pace è parola da scambiare come segno reale di pace e non con missili e bombe, non con negazioni e imprigionamenti, non con disoccupazione e disuguaglianze civili e sociali.

Le voci di questa undicesima edizione veneziana appartengono ad esperienze generazionali e geografiche differenti di donne e uomini, e intendono ricordarci che non siamo da soli a camminare su questa terra desolata e che la visione di uno è la visione di tanti, e il dolore di uno è il dolore di tanti, e il diritto di uno deve essere il diritto per tutti. La poesia si incontra in questo territorio di acqua e terra, con una convinzione forte che solo la Pace allontana la Guerra mentre solo la Guerra allontana la Pace del nostro sempre più fragile pianeta.La responsabilità è una parola di pace, la palabra interrompe il muro del silenzio raccogliendo l’appello del poeta albanese Ismail Kadarè, che così ci esorta: ‘Venite e appendete le armi ai chiodi delle rime’.

Anna Lombardo
(Director, International Poetry Festival Palabra en el mundo)

Condividi

Comitato artistico e organizzativo